La digitalizzazione con vocazione internazionale

SACE SIMEST – Contributo sulla digitalizzazione e sostenibilità delle PMI con vocazione internazionale

Il 12 luglio 2022, ore 09:00, si darà il via al bando sulla transizione Digitale ed Ecologica della PMI con vocazione internazionale. Il bando rimarrà attivo fino al 31 ottobre 2022. Per accedere al fondo di SIMEST l’azienda deve essere in possesso di specifiche qualifiche o iscrizioni.

Soggetti beneficiari

Il soggetto richiedente il finanziamento deve esse una PMI o una Mid Cap (imprese non qualificabili come piccole e medie imprese, con un numero di dipendenti non superiore a 1.500 unità), con sede legale in Italia. Inoltre, l’azienda deve avere depositato presso il Registro imprese almeno due bilanci relativi a due esercizi completi.

Forma dell’agevolazione sulla digitalizzazione con vocazione internazionale

Il contributo sulla digitalizzazione con vocazione internazionale è un finanziamento a tasso agevolato in regime “de minimis” con co-finanziamento a fondo perduto in regime di “Temporary Framework”:

  • L’importo massimo dell’intervento che l’impresa richiedente può chiedere è pari al minore tra euro 1.000.000,00 e il 25% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati dall’impresa richiedente;
  • Quota massima a fondo perduto: fino al 40% per le PMI del Sud, fino al 25% per le restanti PMI;
  • Durata del finanziamento: 6 anni, di cui 2 di pre-ammortamento;
  • Tasso d’interesse agevolato pari al 10% del Tasso di Riferimento UE per tutta la durata del finanziamento;
  • Il rimborso del Finanziamento avviene in 8 rate semestrali posticipate a capitale costante, a partire dal termine del Periodo di Pre-ammortamento.

Spese ammissibili

Per quanto riguarda le spese ammissibili a questo bando, dovranno essere sostenute a partire dalla data di ricezione dell’Esito della domanda, contenente l’indicazione del CUP assegnato, ed entro 24 mesi dalla Data di Stipula. Le spese per la Transizione Digitale dovranno rappresentare almeno il 50% delle spese ammissibili finanziarie, invece le spese per la sostenibilità e l’internazionalizzazione non dovranno superare il 50%.

Per ulteriori informazioni e per qualsiasi chiarimento, non esitare a contattare un nostro Professionista. Se la tua azienda ha le giuste caratteristiche per quanto riguarda il contributo sulla digitalizzazione con vocazione internazionale, fissa un appuntamento per capire come funziona la presentazione della domanda.

2 Replies to “La digitalizzazione con vocazione internazionale”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.